Professione e Professionalita

Presso il nostro Studio puoi trovare altissime capacità professionali con la figura di 5 Urologi con esperienza pluriennale sia Ospedaliera Territoriale Italiana che in ambiente Ospedaliero Estero

Obiettivo Cura del Paziente

Ci serviamo delle migliori strumentazioni, metodologie e approcci terapeutici per raggiungere l’obiettivo Salute della Persona

Cominicazione

Facciamo dell’azione cominicativa e del dialogo comprensibile il nostro punto di forza che raramente viene considerato nell’approccio terapeutico

Capacità Intuitiva

L”ascolto della persona, troppe volte messo da parte, ci permette di poter arrivare ad osservazioni e conclusioni con un grado di attendibilità più elevato. Questo sfocia spesso nella cura più giusta, non sempre fatta di trattamenti farmacologicici, ma spesso anche di consigli e cambi di abitudini inadeguate.

Senso del dovere

Gentilezza e cortesia unite ad un profondo senso del dovere per la cura e il benessere, fisico psichico e sociale, di chi è nello stato di malattia

FAQ

Domande e Risposte frequenti

La motivazione potrebbe risiedere nel fatto che dai 40 anni in poi la prostata crescendo crea un irritazione vescicale che costringe a svuotarla più frequentemente. Nelle ore notturne l’arco di tempo più lungo, dovuto al sonno,  genera l’interruzione del riposo per andare in bagno a svuotarsi

Il PSA è un importante indicatore specifico, una proteina prodotta dalla prostata che entro un range di riferimento determina la salubrità della ghindola prostatica stessa o l’assneza di una formazione tumorale. Viene rilevata attraverso un semplice prelievo di sangue

Esattamente la ghiandola prostatica andando progressivamente in accrescimentro dai 40 anni in poi, offre un’ostacolo sensibile al corretto svuotamento della vescica generando una minzione sempre più ridotta fino ad arrivare alla ritenzione urinaria.

L’I.P.B. o “iperpalsia prostatica benigna” nel tempo tende a compromettere la possibilità di urinare e svuotare la vescica. Questo porta la vescica stessa ad effettuare contrazioni anomale o inefficaci, generando a monte un RPM “residuo post minzionale” sempre più consistente. Il residuo post minzionale cronico porta con sè infezioni e infiammazioni ricorrenti con bruciori alla minzione fino alla sepsi.

Per quanto riguarda l’ipertrofia della prostata è legata solo al sesso maschile. Nella diagnosi precoce del Carcinoma della prostata il legame ereditario gioca invece un ruolo importante. Da alcuni studi si è infatti visto che parenti maschi in linea retta manifestano rischio più elevato e pertanto attuare un piano di prevenzione più frequente risulta fondamentale

I fattori sono molteplici ma una buona prevenzione urologica, seguita da uno stile alimentare, corretta idratazione giornaliera e attività fisica costante, riduce notevolmente il ricorso all’intervento chirurgico.

Gli alimenti che assolutamente alle prime avvisaglie di disturbi dell’apparato urinario vanno eliminati somo il pepe, peperoncino, cioccolate, vino e liquaori, spezie in generale. Inoltre tenere in ordine l’intestino rispettando una certa regolarità escludendo stitichezza e coliti, evita quei processi infiammatori che dal colon possono trasmettersi all’apparato urinario e sempre difficili da debellare.

Si può pregiudicare il rapporto sessuale solo nel caso di interventi chirurgici demolitivi che prevedono l’asportazione totale della ghiandola prostatica. in tutti gli altri casi il rapporto sessuale rimane conservato. Possono esserci  anomalie come l’eiaculazione retrograda generata con l’uso dei farmaci  o in un post-operatorio di TURP “resezione della prosta attraverso l’uretra”. È chiaro che non ci può essere una condizione univoca per chiunque, ma oggi grazie ai numerosissimi passi in avanti nella chirurgia le soluzioni che coinvolgono anche la sfera sessuale sono molteplici

Visite Specialistiche Urologiche

Il vostro contatto può essere sia Telefonico che via Mail agli indirizzi che trovate di seguito